Prestito Casa

Prestito acquisto e ristrutturazione Casa.

Quando decidiamo di rinnovare o ristrutturare casa spesso abbiamo necessità di una certa quantità di denaro contante, questo però non significa sempre che dobbiamo ricorrere a un mutuo.

prestito casaEsistono anche dei prestiti, chiamati prestiti casa che ci permettono di coprire tutte le esigenze di tipo domestico, come gli interventi di manutenzione, la ristrutturazione, l’acquisto dell’arredamento o di accessori e suppellettili.

Questo tipo di prestito, equiparabile al prestito al consumo di cui è anche una degna alternativa, in genere finalizzato ma libero, nel senso che abbiamo il vincolo ad utilizzare la somma per i lavori legati alla casa, ma possiamo tranquillamente scegliere chi effettuerà i lavori.

Solo in alcuni casi sono stati ideati dei prestiti casa finalizzati all’acquisto di determinati bene, come ad esempio il prestito per l’arredamento o quello per la ristrutturazione. Ogni istituto di credito comunque gestisce in modo diverso questo tipo di prestito, quindi il consiglio è quello di valutare bene le varie condizioni in base all’istituto e anche all’utilizzo che ne dovete fare.

Qualsiasi tipo di lavoratore può fare richiesta di un prestito casa, cosi come possono farla i pensionati. L’importante è che si possa dimostare un reddito e la conseguente possibilità di rimborsare il prestito ottenuto.

Il prestito casa, ideato per agevolare le famiglie quando devono affrontare una spesa relativa ad un immobile, ristrutturazione, acquisto, cambio arredamento, viene erogato dalle varie società finanziarie o dagli istituti di credito, ha le stesse caratteristiche di un prestito personale o a consumo.

Alla stipula del contratto viene studiato un piano di ammortamento che prevede un tot numero di rate di un importo compatibile con la capacità di rimborso del cliente. Le rate vengono comunque definite in base alle esigenze del cliente, sia per quanto riguarda l’importo, che per i tempi di rimborso.

Anche in questo caso il pagamento delle rate può avvenire tramite una cessione del quinto dello stipendio, ma anche con delle cambiali, cosi come con bollettini postali o tramite l’addebito diretto in conto corrente con un RID.

Il rimborso di un prestito casa può variare da un minimo di 12 mesi ad un massimo di 10 anni, ma è sempre valida la possibilità per il cliente di richiedere l’estinzione anticipata del prestito.

Generalmente non viene richiesto nessun tipo di garanzia, fatto salvo il caso in cui a fare la richiesta sia un cliente che in passato ha avuto problemi di protesti. In questo specifico caso potrebbe essere necessaria la firma di un garante.

Pagine con argomento correlato: Prestito arredamento * Prestito Fotovoltaico * Prestito ristrutturazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*