Prestiti in calo a maggio 2012

Secondo quanto emerge dal recente bollettino mensile dell’Abi – riferito all’andamento del settore creditizio nel corso del mese di maggio, l’ultimo al quale sia possibile relazionare dei dati consolidati – durante il quinto mese dell’anno i prestiti bancari hanno subito una nuova decelerazione, pur piuttosto lieve rispetto a quanto fosse stato possibile verificare nel corso dei mesi che avevano preceduto tale rilevazione statistica.

In particolare, la dinamica dei prestiti bancari ha manifestato una contrazione del ritmo di crescita dei finanziamenti pari a + 0,2 per cento su base annua, e a + 1,2 per cento su base mensile. Ne consegue che – secondo quanto affermano le prime stime specifiche – i prestiti ai residenti in Italia (contando in tal novero sia le amministrazioni pubbliche al netto dei pronti contro termine con controparti centrali, sia il settore privato) sono ammontati a 1.944,5 miliardi di euro.

Per quanto concerne l’andamento dei prestiti al solo settore privato, l’incremento dei finanziamenti ai residenti è stato lievemente inferiore alla media nazionale, con una progressione di 0,1 punti percentuali su base annua, e di 1,1 punti percentuali su base mensile.

Ancora, rispetto a maggio 2011 il flusso netto dei nuovi prestiti è stato pari a 1,5 miliardi di euro. I prestiti a famiglie e a società non finanziarie ammontano, a maggio 2012, a 1.500,5 miliardi di euro, con un incremento annuo di 0,4 punti percentuali, e un incremento mensile di 1 punto percentuale. Il segmento a medio lungo termine – rappresentativo di tutti i finanziamenti con scadenza superiore all’anno – ha subito una variazione annua negativa di 0,3 punti percentuali (+ 0,2 punti percentuali su base mensile. Il segmento a breve termine ha invece segnato una variazione negativa per 0,6 punti percentuali su base annua, e positiva per 3,4 punti percentuali su base mensile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*