Prestiti ai privati ancora in calo – Bankitalia

prestitiSecondo gli ultimi dati diffusi dalla Banca d’Italia, nel corso del mese di aprile i prestiti al settore privato avrebbero subito un nuovo e corposo decremento, andando a toccare nuovi minimi storici, non troppo recenti.

Il bollettino mensile dell’istituto banchiere centrale supporta in tal modo le preoccupazioni di tutti coloro che ritengono che la crisi del credito nazionale stia andando a peggiorare, in un contesto di drammatico deterioramento del contesto economico – sociale.

Più nel dettaglio, Bankitalia ricorda come nel quarto mese dell’anno i prestiti al settore privato abbiano subito un calo su base annua pari al 2,3 per cento, per una prestazione perfino peggiore dell’1,7 per cento riscontrato nel precedente mese di marzo.

All’interno di tale macro elemento statistico, si noti come i prestiti alle famiglie siano mediamente calati dello 0,8 per cento su base annua, per un ritmo già consolidato nel mese precedente. Per le società non finanziarie, invece, i prestiti sarebbero precipitati del 3,7 per cento (contro il 2,8 per cento del mese di marzo).

Ancora, Bankitalia segnala come nel corso del mese di aprile sarebbe stato riscontrato un lieve incremento dei tassi di interesse applicati sulle erogazioni nei confronti delle famiglie, per l’acquisto di abitazioni. Secondo l’istituto, infatti, in media i tassi sarebbero giunti a quota 3,95 punti percentuali, contro il 3,90 per cento del mese di marzo. Per quanto attiene invece i tassi sulle nuove erogazioni al consumo, i tassi medi sarebbero calati al 9,48 per cento contro il precedente 9,64 per cento.

Infine, i tassi sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sotto il milione di euro sarebbero stati pari al 4,39 per cento, contro il 4,36 per cento di marzo. Per i prestiti di importo superiore a tale soglia i tassi sono al 3,12 per cento, contro il 2,93 per cento del mese di marzo. I tassi passivi (sui depositi) sono all’1,14 per cento, contro l’1,16 per cento del mese di marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*